Accedi Registrati

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name
Username
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Di cosa mi occupo

In psicologia si parla di disturbi, ovvero di stati d’animo problematici, di equilibri che si rompono, di male di vivere. Tendenzialmente si distinguono gli stati ansiosi da quelli depressivi, anche se alcuni li definiscono due facce della stessa medaglia. 

In presenza di comportamenti e condizioni che influiscono in modo negativo nella vita quotidiana, lo psicologo Loris De Marchi è a disposizione per tutti coloro che sono alla ricerca di informazioni sui possibili disturbi, sulle possibilità terapeutiche e sui metodi per affrontare ed alleviare il disagio. 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NOTA IMPORTANTE: LEGGERE PRIMA DI UTILIZZARE IL SITO WEB: Questa politica illustra le modalità di utilizzo dei cookie su questo sito ed è soggetta a modifiche periodiche. Gli utenti saranno informati di eventuali modifiche in maniera adeguata, ad esempio con la pubblicazione della politica revisionata su questa pagina, completa della data dell'ultimo aggiornamento. Utilizzando il presente sito, l'utente acconsente all'invio di cookie sul proprio computer, in conformità con i termini della presente politica. Se non si desidera accettare i cookie da questo sito, si prega o disattivare i cookie o di astenersi dall'utilizzo di questo sito.

1. Che cosa sono i cookie?

Un cookie è una stringa di dati di solo testo, trasmessa da un sito web al file cookie del browser dell'utente, sul disco rigido del computer, e che consente il riconoscimento dell'utente quando visita il sito web, ricordando alcuni dei suoi dati. Tali dati possono includere le pagine visitate, le scelte effettuate dai menu, dati specifici inseriti all'interno di moduli e ora e data delle visite.

2. Tipi di cookie

Esistono due tipologie principali di cookie:

  • Cookie di sessione: si tratta di cookie temporanei, che scadono alla fine di una sessione del browser, cioè quando l'utente lascia il sito. I cookie di sessione consentono il riconoscimento dell'utente che naviga sul sito durante una singola sessione del browser e permettono un uso più efficiente del sito stesso. Ad esempio, i cookie di sessione memorizzano dati come l'inserimento di articoli all'interno di un carrello per gli acquisti online.
  • Cookie permanenti: al contrario dei cookie di sessione, i cookie permanenti vengono memorizzati sul computer per più di una singola sessione del browser, finché non scadono o non vengono eliminati. Essi consentono quindi al sito di "riconoscere" l'utente ad ogni accesso e ricordare le sue preferenze, allo scopo di offrire servizi personalizzati.

Oltre ai cookie di sessione e ai cookie permanenti, esistono altri cookie impostati dai siti che l'utente sceglie di visitare, come ad esempio questo sito web, che hanno lo scopo di fornirci dati o di fornire dati a terzi.

3. Uso dei cookie

Su questo sito web utilizziamo attualmente, e potremmo utilizzare in futuro, i seguenti tipi di cookie.

Utilizziamo i cookie di sessione per contribuire al mantenimento della sicurezza e verificare i dati dell'utente del sito web mentre visita le diverse pagine; in questo modo, l'utente non deve reinserire i propri dati ogni volta che visita una pagina nuova.

Utilizziamo i cookie permanenti per raccogliere ed elaborare dati aggregati in forma anonima a scopo statistico e di valutazione, per comprendere meglio le modalità di utilizzo di questo sito web e migliorarne la struttura.

 

Molti cookie sono concepiti per garantire all'utente un'esperienza web ottimale. I cookie vengono utilizzati per migliorare l'esperienza dell'utente durante l'uso del nostro sito web (ad esempio con cookie che rilevano se il browser dell'utente supporta funzionalità tecnologiche particolari). Questo consente, ad esempio, un caricamento più rapido delle pagine quando l'utente richiede il download di un file di grandi dimensioni.

 

Oltre ai cookie che ci trasmettono dati, utilizziamo cookie che raccolgono dati e li inviano a terzi. Un esempio di questo è Google Analytics. Usiamo Google Analytics per raccogliere ed elaborare dati quali il numero di visitatori del sito, il sito da cui provengono i visitatori e le pagine visitate. È possibile visitare il sito di Google per  informazioni sulla politica in materia di privacy di Google and information on e su come scegliere di non ricevere i cookie di Google Analytics. Nei casi in cui il sito consente l'impostazione dei cookie o l'accesso ad altri siti web dal sito aprendo i link forniti, gli operatori di tali siti web utilizzano i cookie nel rispetto della propria politica in materia, che può differire dalla nostra.

 

Come per i cookie di questo sito, l'utente ha la possibilità di bloccare i cookie di terzi mediante le impostazioni del proprio browser.

 

4. Rifiuto dei cookie di questo sito

La maggior parte dei browser di navigazione è impostata per accettare i cookie. Tuttavia, se lo desidera, l'utente ha la possibilità di disabilitare i cookie, generalmente modificando le impostazioni del proprio browser. È inoltre possibile configurare le impostazioni del browser per consentire l'accettazione di cookie specifici o per ricevere una notifica ogni volta che un nuovo cookie sta per essere memorizzato sul proprio computer, che consente di decidere di volta in volta se accettarlo o rifiutarlo. L'utente ha a disposizione diverse risorse per gestire l'uso dei cookie, ad esempio la sezione "Guida" del proprio browser. È inoltre possibile disattivare o eliminare i dati memorizzati utilizzati da tecnologie analoghe ai cookie, come gli oggetti locali condivisi (Local Shared Objects) o i cookie Flash, modificando le impostazioni sui "componenti aggiuntivi" del proprio browser o visitando il sito web dello sviluppatore del browser. I nostri cookie consentono all'utente di accedere ad alcune funzionalità del sito web; consigliamo pertanto di non disabilitarli. In caso contrario, è possibile che l'utente sia limitato nella propria interazione con determinate funzionalità o nell'uso del sito nel suo complesso.

Le Patologie

  • Depressione +

    La depressione corrisponde ad uno stato di estrema tristezza protratta nel tempo, che si manifesta con tutta una serie di sintomi fisici e psicologici e che può dipendere da molteplici fattori: biologici, ereditari, ambientali, psico-sociali. Corrisponde quindi ad un calo dell’umore, che secondo la prospettiva cognitivo comportamentale è legato ad uno stile di pensiero disfunzionale, che vede solo il bicchiere mezzo vuoto, che tende ad interpretare gli eventi sotto una cattiva luce, in modo costante e sistematico. La depressione è generalmente causata da una perdita, è rivolta al passato, o comunque legata a cause specifiche e a fattori identificabili; l’ansia è invece un malessere proteso al futuro, a ciò che ancora deve accadere.
  • Ansia Generalizzata +

    La depressione è generalmente causata da una perdita, è rivolta al passato, o comunque legata a cause specifiche e a fattori identificabili; l’ansia è invece un malessere proteso al futuro, a ciò che ancora deve accadere, è una paura senza oggetto, è il timore di un salto nel buio. Come la depressione, anche l’ansia presenta una costellazione di sintomi fisici e psicologici ed è legata a molteplici cause. La prospettiva cognitivo comportamentale pone ancora l’accento sullo stile di pensiero negativo che va ad influenzare lo stato d’animo provocando un terremoto di sensazioni e reazioni fisiologiche quali il cardiopalma e/o la sudorazione. Si parla per esempio di ansia generalizzata, ovvero di una condizione di apprensione costante, non circoscritta ad episodi particolari ma appunto generalizzata nel tempo e nello spazio, lungo tutta la giornata, nei vari contesti sociali o lavorativi. È un malessere caratterizzato da continuo rimuginio mentale, un’ insicurezza che blocca l’azione per evitare l’errore. 
  • Ansia Sociale +

    Esiste poi l’ansia o fobia sociale, che corrisponde ad eccessiva timidezza, ovvero alla paura di sbagliare, di apparire ridicoli e di venire quindi giudicati in modo negativo. In questo caso la persona spesso cade vittima di un circolo vizioso in cui è la stessa paura di sbagliare a determinare un calo nella performance che rinforzerà quella paura iniziale. L’ansioso sociale evita quindi quelle situazioni che possono provocargli stati di imbarazzo e vergogna, rifiuta l’invito ad una festa e teme il discorso in pubblico; probabilmente sarà costretto ad assumere farmaci o bere alcol per stare tranquillo.
  • Attacchi di Panico +

    L’ansia si presenta talvolta in forma acuta, ecco che si parla di attacco di panico, un disturbo lacerante nella sua forma improvvisa e intensa, che coglie impreparati la prima volta per quel cocktail di sintomi disparati, per quel vortice di malessere che dura generalmente non più di un quarto d’ora, ma che lascia una traccia indelebile.  Come un fulmine a ciel sereno, il panico ti prende in una morsa: caratteristici il cardiopalma, la sudorazione, il groppo in gola, la paura di impazzire. Se il panico ci coglie in chiesa, nel mezzo di una funzione religiosa, saremo da quel momento portati ad evitare qualsiasi altra messa in futuro; se ci coglie al supermercato eviteremo in seguito di andare a fare la spesa; se accade in galleria saremo costretti le volte successive a fare il giro della montagna: ecco che subentra così l’agorafobia, ovvero la paura di recarsi in luoghi nei quali sia impossibile trovare una via di fuga.
  • Ossessioni e Compulsioni +

    Esiste poi una forma bizzarra di ansia, il disturbo ossessivo compulsivo, caratterizzato dalla presenza di ossessioni per evitare le quali il soggetto si sente costretto a mettere in atto dei rituali, le cosiddette compulsioni. Tale disturbo diventa socialmente invalidante nel momento in cui il tempo dedicato ai rituali, funzionali all’abbassamento dei livelli di tensione/ansia, diventa eccessivo, compromettendo così la vita della persona.
  • Fobie +

    Infine, nell’attuale nosologia psichiatrica internazionale, rientra nei disturbi d’ansia anche la fobia specifica, ovvero la paura irrazionale e intensa verso oggetti, situazioni o animali particolari, generalmente insetti. 
  • 1